Sallua, Vincenzo

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo
Edizioni CLORI | Firenze | ISBN 978-8894241600 | DOI 10.5281/zenodo.1309444

Vincenzo Sallua è stato un inquisitore domenicano del XIX sec.

Originario di Garessio, non va confuso con il parente Vincenzo Leone Sallua, anch'egli inquisitore domenicano, nonché commissario generale del Sant'Uffizio dal 1870 al 1896. Anche suo zio Filippo Bertolotti appartenne all'ordine domenicano e fu inquisitore e commissario generale del Sant'Uffizio dal 1850 al 1851.
Lettore di teologia nei collegi dell'ordine domenicano, fu vicario del Sant'Uffizio ad Ancona (nominato nel 1829), secondo socio del commissario del Sant'Uffizio (giurò come sostituto del secondo socio il 21 settembre 1830 e come secondo socio effettivo il 23 luglio 1832), quindi Inquisitore di Spoleto (1836-1840), di Ancona (1840-1847), di Pesaro (1847-1858?).

Bibliografia

  • Herman H. Schwedt, Tobias Lagatz (a cura di), Prosopographie von romischer Inquisition und Indexkongregation: 1814-1917, Schöningh, Paderborn 2005, vol. II, p. 1298.

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2020

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, "De rerum natura", lib. V]

CLORI%20Botticelli%20header%203.jpg

The content of this website is licensed under Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) License