Castrucci, Vincenzo (patrizio lucchese)

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo
Edizioni CLORI | Firenze | ISBN 978-88-942416-0-0 | DOI 10.5281/zenodo.1309444

Vincenzo Castrucci è stato un patrizio e mercante lucchese del XVI sec.

Fu eletto per la prima volta nel Consiglio generale di Lucca nel 1524 e a partire dal 1526 ricoprì per sette volte la carica di anziano. Nel 1538 fu gonfaloniere.
Aderì con convinzione alle nuove idee religiose e ne fu un esponente di spicco all'interno del patriziato lucchese.
Il 21 settembre 1542 partecipò, con altri, all'organizzazione e alla messa in atto dell'evasione di fra Girolamo da Pluvio, cosa che gli costò una condanna a morte in contumacia. Fuggì da Lucca e riparò ad Anversa, dedicandosi ad attività commerciali. Graziato nel 1546, rientrò a Lucca, continuando a professare idee eterodosse, fino alla morte avvenuta nel 1551.

Bibliografia

  • Simonetta Adorni Braccesi, Una città infetta: la Repubblica di Lucca nella crisi religiosa del Cinquecento, Olschki, Firenze 1994.
  • Marino Berengo, Nobili e mercanti nella Lucca del Cinquecento, Einaudi, Torino 1965.
  • Maria Rosa Pardi, Castrucci, Vincenzo, in DBI, vol. 22 (1979).

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2017

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]