Garzoni, Tommaso

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo [ISBN 978-88-942416-0-0]

Tommaso (al secolo Ottaviano) Garzoni (Bagnacavallo, 1549 - Bagnacavallo, 8 giugno 1589) è stato un letterato.

Biografia

Mostrò la "vocazione" letteraria già a dieci anni allorché scrisse un poema in ottave sulle "battagliole de' putti". Studiò a Ferrara e Siena, ma nel 1566 entrò nella congregazione dei canonici lateranensi a Ravenna (allora sede generalizia dell'ordine).
Fu lettore di Sacra Scrittura e predicatore e per questo dovette spostarsi molto (Treviso, Ferrara, Padova, Mantova, Venezia).
Apparentemente aderente all'ortodossia controriformata, Garzoni intrattenne rapporti "sospetti" con diversi intellettuali eterodossi, tra i quali Alvise Groto, detto il Cieco d'Adria, e "tormentati", come Torquato Tasso. Fu avido lettore di Agrippa di Nettesheim e Erasmo.

Tipico intellettuale "enciclopedico", amante delle liste e dei cataloghi, la sua opera più nota è La piazza universale di tutte le professioni del mondo, stampata a Venezia nel 1585, vivace spaccato della società della Controriforma, in cui peraltro Garzoni (come in altre sue opere) si serve ampiamente di autori messi all'Indice come gli stessi Agrippa di Nettesheim e Erasmo. Curioso è il caso della voce "De gli heretici e degli inquisitori", nella quale si riportano ampiamente le opinioni di eretici antichi e moderni (tra i quali tutti i principali protagonisti dell'epopea della Riforma, compresi i più radicali). È una tecnica spregiudicata (e tipicamente nicodemitica) spesso utilizzata da Garzoni quella di trattare ciò che è ortodosso e conforme alla morale come scusa per occuparsi del suo opposto.

Tommaso Garzoni morì nella natia Bagnacavallo nel 1589. Il fratello Bartolomeo, anch'egli canonico lateranense, curò l'edizione postuma di diverse sue opere.

Opere

  • Il teatro de' vari e diversi cervelli mondani, P. Zanfretti, Venezia 1583
  • Colloquio, ovvero Dialogo del giudicio particolare dell'anima dopo la morte, F. Ziletti, Venezia 1585
  • La piazza universale di tutte le professioni del mondo, Giovan Battista Somasco, Venezia 1585
  • L'hospidale de' pazzi incurabili, Giovan Battista Somasco, Venezia 1586
  • Le vite delle donne illustri della Scrittura sacra. Con l'aggiunta delle vite delle donne oscure e laide, dell'uno, et l'altro Testamento. E un discorso infine sopra la nobiltà delle donne Venezia, G.D. Imberti, Venezia 1586
  • La sinagoga degli ignoranti, Giovan Battista Somasco, Venezia 1589
  • Il mirabile cornucopia consolatorio, Bologna 1601
  • Gli due Garzoni, cioe l'Uomo astratto di Tommaso e la Stella de' Re Magi di Bartolomeo, Venezia 1604
  • Il serraglio de gli stupori del mondo, Venezia 1613

Edizioni moderne

  • Opere, a cura di P. Cherchi, Longo, Ravenna 1993
  • Vite delle donne illustri della Sacra Scrittura, a cura di B. Collina, Longo, Ravenna 1994
  • La piazza universale di tutte le professioni del mondo, a cura di G.B. Bronzini, Olschki, Firenze 1996
  • La piazza universale di tutte le professioni del mondo, a cura di P. Cherchi e B. Collina, Einaudi, Torino 1996
  • Il serraglio de gli stupori del mondo con le aggiunte del fratello Bartolomeo Garzoni, introduzione di P. Cherchi, xilografie di U. Giovannini, Vaca, Russi 2004

Bibliografia

  • Paolo Cherchi, Enciclopedismo e politica della riscrittura : Tommaso Garzoni, Pacini, Pisa 1981
  • Paolo Cherchi, Walter Pretolani, Saggio di una bibliografia garzoniana, Vaca, Russi 2007
  • Ottavia Niccoli, Garzoni, Tomaso, in DBI, vol. 52 (1999)

Link

Article written by Daniele Santarelli | Ereticopedia.org © 2013

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]