Socio del commissario generale del Sant'Uffizio

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo [ISBN 978-88-942416-0-0]

Il commissario generale del Sant'Uffizio disponeva di un assistente (socius), anch'egli domenicano, che lo coadiuvava nelle sue funzioni. Il primo a svolgere questa funzione fu Arcangelo Bianchi, che entrò in servizio il 24 luglio 1551 come socius del commissario generale Michele Ghislieri (Bianchi fu poi lui stesso commissario generale, vescovo e cardinale). Non raramente i socii, in virtù dell'esperienza acquisita, diventavano poi loro stessi commissari generali o venivano destinati presso sedi inquisitoriali locali anche importanti. A partire dal XVII sec. venne introdotta anche la figura di un secundus socius del commissario generale.

Bibliografia

  • Andrea Del Col, Commissario del Sant'Uffizio, Italia, in DSI, vol. 1, pp. 351-52.
  • Herman H. Schwedt, Tobias Lagatz (a cura di), Prosopographie von romischer Inquisition und Indexkongregation: 1814-1917, Schöningh, Paderborn 2005.
  • Hubert Wolf, Hermann H. Schwedt, Jyri Hasecker, Dominik Höink, Judith Schepers (a cura di), Prosopographie von Römischer Inquisition und Indexkongregation 1701-1813, 2 voll., Schöningh,Paderborn 2010.
  • Herman H. Schwedt, Die Anfänge der Römischen Inquisition. Kardinäle und Konsultoren 1542 bis 1600, Herder, Freiburg 2013.
  • Herman H. Schwedt, Die Römische Inquisition. Kardinäle und konsultoren 1601 bis 1700, Herder, Freiburg 2017.

Link

Voci correlate

Page created by Daniele Santarelli | Ereticopedia.org © 2014-2017

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]