Scaccia, Sigismondo

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo [ISBN 978-88-942416-0-0]

Sigismondo Scaccia (Camerata, Tivoli, 1564? - Roma , 1634) è stato un giurista e funzionario.

Addottoratosi in utroque iure presso la Sapienza di Roma nel 1584, fu consultore dell'Inquisizione a Manta tra il 1585 e il 1588. Fu quindi giudice civile a Frascati (1589) e servì la famiglia Colonna dal 1592 al 1600.
Nel 1605 fu nominato podestà di Lucca. Fu altresì uditore della Rota civile a Genova (1612-1615) e giudice civile e podestà a Firenze (dove soggiornà tra il 1620 e il 1623).
Morì a Roma nel 1634.

La sua opera più nota e fortunata fu il Tractatus de commerciis et cambio (1618) Fu autore altresì di un Tractatus de appellationibus (1612), di un Tractatus de re iudicata (1628) e di un Tractatus de Iudicijs causarum civilium, criminalium et hereticalium. Quest'ultimo trattato, in due libri (stampati per la prima volta rispettivamente nel 1596 e nel 1604) riporta numerosi decreti del Sant'Uffizio dell'epoca.

Bibliografia

  • Rodolfo De Laurentiis, Sigismondo Scaccia (1564?-1634) : fra pratica e teoria giuridica agli inizi dell'età moderna, Fondazione Sergio Mochi Onory per la storia del diritto italiano, - Roma 1993 [già in "Rivista di storia del diritto italiano, LXIV, 1991]
  • Vincenzo Lavenia, Scaccia, Sigismondo, in DSI, vol. 3, pp. 1389-1390

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2014

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]