Sereno da Pontremoli

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo
Edizioni CLORI | Firenze | ISBN 978-88-942416-0-0 | DOI 10.5281/zenodo.1309444

Sereno da Pontremoli era un monaco benedettino, convertitosi alle nuove idee religiose e fuggito dal convento di S. Benedetto di Polirone (Mantova), insieme al confratello Valeriano da Gazzo.
Nel settembre 1550 i due furono arrestati in casa di Giuseppe Fossa, facoltoso cremonese. Così come il compagno, Sereno confessò, e le confessioni dei due permisero l'avvio della persecuzione inquisitoriale (1550-1552) contro il gruppo ereticale cremonese (la cosiddetta ecclesia cremonensis, molti membri della quale fuggirono a Ginevra). Dalla confessione di Sereno, che aveva 30 anni al momento dell'arresto, emerge che fosse molto colto. Le sue convinzioni erano di matrice decisamente calvinista.

Bibliografia

  • Salvatore Caponetto, La Riforma protestante nell'Italia del Cinquecento, Claudiana, Torino 19972, pp. 273-274.

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2017

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]

The content of this website is licensed under Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) License