Cobelluzzi, Scipione

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo
Edizioni CLORI | Firenze | ISBN 978-8894241600 | DOI 10.5281/zenodo.1309444

Scipione Cobelluzzi (Viterbo, 1564 - Roma, 29 giugno 1626) è stato un cardinale, bibliotecario della Biblioteca Vaticana e membro del Sant'Uffizio.

Dottore in utroque iure, protetto dai cardinali Girolamo Bernerio e Odoardo Farnese, dal 1611 fu segretario ai brevi.
Fu nominato cardinale da Paolo V il 17 ottobre 1616. Nel 1618 fu nominato cardinale-bibliotecario della Biblioteca Vaticana. Nel 1621 fu incluso nella Congregazione del Sant'Uffizio, quindi anche nella Congregazione de Propaganda fide alla sua istituzione (6 gennaio 1622).

Bibliografia

  • Pierre-Noël Mayaud, Les «Fuit congregatio sancti officii in … coram …» de 1611 à 1642. 32 ans de vie de la Congrégation du Saint Office, in "Archivum Historiae Pontificiae", 30, 1992, pp. 231-289: p. 287
  • Franca Petrucci, Cobelluzzi, Scipione, in DBI, vol. 26 (1982)

Link

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2013

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]

CLORI%20Botticelli%20header%203.jpg

The content of this website is licensed under Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) License