Huchin, Pierre de

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo
Edizioni CLORI | Firenze | ISBN 978-8894241600 | DOI 10.5281/zenodo.1309444

Pierre de Huchin è stato uno stampatore francese del XVI sec., stabilitosi a Venezia.

Giunse a Venezia dalla Francia attorno alla metà degli anni quaranta del XVI sec., quando era sedicenne, per fare esperienza nelle tipografie veneziane. Dopo aver lavorato presso Gabriel Giolito, Bevilacqua e Lucantonio Giunti, si mise in proprio. Si sposò e mise su famiglia, integrandosi pienamente nella società veneziana, nonostante fosse in segreto calvinista e possedesse libri proibiti. Entusiasta per i successi degli ugonotti in Francia, nel 1567 decise di trasferirsi con tutta la sua numerosa famiglia (moglie, otto figli e servitori) a Lione, mentre nella città imperversava la guerra civile. Essendo stata ripresa la città dai cattolici, rientrò poco dopo a Venezia.
Praticò accortamente il nicodemismo, il che non gli bastò per evitare di essere processato dal Sant'Uffizio di Venezia nel 1575.

Italianizzò il suo nome in Pietro Deuchino e fu il capostipite di una dinastia di tipografi attivi a Venezia e a Treviso (che stamparono opere allineate alla piena ortodossia controriformistica) almeno fino alla fine degli anni venti del XVII sec.

Bibliografia

  • John J. Martin, Venice's hidden enemies: Italian heretics in a Renaissance city, University of California Press, Berkeley 1993, pp. 135-136, 139, 194.
  • Tiziana Pesenti, Deuchino, in DBI, vol. 39 (1991).

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2020

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, "De rerum natura", lib. V]

CLORI%20Botticelli%20header%203.jpg

The content of this website is licensed under Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) License