Vismara, Paola
content?id=YgYlAQAAIAAJ&printsec=frontcover&img=1&zoom=1&imgtk=AFLRE73Otz8GLmEpl-sEa4jJqGbkQH2PBVSatg4nnuIjTRmwRkH377Pa3C87jQgOBAUbiIs8KjWBPNtHMmQ1xcC3q3KRNKxuVFpO5ZgEe4OqNIG82Acr4L-rn8MqKTA_49fbBuCAkoMO

Paola Vismara (1947-2015) è stata una storica italiana.

Ha a lungo insegnato Storia del Cristianesimo e delle Chiese presso l'Università Statale di Milano. Ha altresì insegnato, in qualità di "visiting professor", presso l'Ecole Pratique des Hautes Etudes IVe et Ve sections, presso l'Université Paris 1 Panthéon-Sorbonne e presso l'Université Pierre Mendès-France Grenoble 2, ed è stata membro di numerosi comitati scientifici. In Francia, è stata spesso chiamata come membro di commissioni per il conferimento dell'“Habilitation à diriger des Recherches” o del dottorato.
È stata anche membro del Consiglio di amministrazione della Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano.

Specialista di storia religiosa del Sei/Settecento, ha dedicato le sue ultime ricerche al rapporto tra la Chiesa e il denaro.

Bibliografia (parziale)

  • Il tema della povertà nella predicazione di sant'Agostino, Milano, Giuffré, 1975
  • Il “buon cristiano”. Dibattiti e contese sul catechismo nella Lombardia di fine Settecento, Firenze, La Nuova Italia, 1984
  • Miracoli settecenteschi in Lombardia tra istituzione ecclesiastica e religione popolare, Milano, I.P.L., 1988
  • “Per vim et metum”. Il caso di Paola Teresa Pietra, “Biblioteca della Società Pavese di Storia Patria”, n.s., n.3 , Como, 1991
  • Settecento religioso in Lombardia, con prefazione di L. Châtellier, Milano, NED, 1994
  • Cattolicesimi. Itinerari sei-settecenteschi, Milano, Edizioni Biblioteca Francescana, 2002
  • Oltre l’usura. La Chiesa moderna e il prestito a interesse, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2004
  • (con L. Mezzadri) La Chiesa tra Rinascimento e Illuminismo, Roma, Città Nuova, 2006
  • Questioni di interesse. La Chiesa e il denaro in età moderna, Milano, Bruno Mondadori, 2009

Approfondimenti

Link

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2015

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]