Orsolina la Rossa

Orsolina la Rossa è stata una contadina inquisita per stregoneria a Modena nel 1539.

Fu accusata di infanticidio, di aver partecipato al sabba e di aver adorato il demonio. Dopo una prima ammissione ed una ritrattazione fu sottoposta a tortura e confessò i crimini di cui veniva accusata, dando dettagli sul sabba e sul volo notturno.
Ammise di succhiare il sangue dalle membra dei bambini, tentando di giustificarla come pratica terapeutica e non diabolica.
Orsolina fu condannata al "carcere perpetuo" (da scontarsi nel proprio domicilio) ed abiurò pubblicamente nella chiesa di S. Domenico in Modena.
I giudici che la condannarono erano fortemente influenzati dagli stereotipi allora circolanti sul sabba. Orsolina fu probabilmente indotta dall'inquisitore a confessare quel che egli voleva sentirsi dire: facendo così e pentendosi, riuscì a scampare alla condanna a morte.

Bibliografia

  • Marina Romanello (a cura di), La stregoneria in Europa (1450-1650), Il Mulino, Bologna 1975, pp. 119-131
  • Giovanni Romeo, Inquisitori, esorcisti e streghe nell’Italia della Controriforma, Sansoni, Firenze 1990, p. 54
  • Domizia Weber, Sanare e maleficiare. Guaritrici, streghe e medicina a Modena nel XVI secolo, Carocci, Roma 2011, pp. 166 sgg.

Link

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2015

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]