Notaio del Sant'Uffizio

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo [ISBN 978-88-942416-0-0]

Il notaio della Congregazione del Sant'Uffizio era un funzionario incaricato di redigere (in latino) i verbali dei processi e tutti gli atti del tribunale romano. Nei primi decenni di vita della Congregazione fu sempre un laico, a partire dal Seicento si impose la consuetudine di nominare un capo notaio ecclesiastico assistito da consulenti laici. Nel XVI sec. i notai del Sant'Uffizio romano furono Sano Perelli, Claudio de Valle e Flaminio Adriani, tutti e tre giureconsulti laici.
La figura del notaio esisteva anche nei tribunali periferici (ma si solito si trattava del notaio al servizio della curia vescovile che svolgeva anche il ruolo di notaio del tribunale inquisitoriale locale).

Bibliografia

Link

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2014

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]