Dolfin, Nicolò

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo
Edizioni CLORI | Firenze | ISBN 978-88-942416-0-0 | DOI 10.5281/zenodo.1309444

Nicolò Dolfin (Corfù 1630 – …?) fu un ebreo convertito al cristianesimo, commerciante e prestatore di Corfù.

Gli unici dati di cui disponiamo relativi alla vita di Nicolò Dolfin provengono da una denunzia sporta contro di lui presso le autorità civili di Corfù, le quali la inoltrarono in seguito all’arcivescovo latino dell’isola e questi a sua volta al Sant’Uffizio di Venezia. Secondo tale documento Nicolò Dolfin era nato a Corfù (1630), era ebreo di nascita e si chiamava Nathan Cohen. Le sue attività professionali riguardavano il commercio e l’elargizione di prestiti. Nel 1656 si trasferì a Venezia, dove due anni più tardi si convertì al cristianesimo e prese il nome del suo padrino. Subito dopo la conversione e il suo ritorno a Corfù divorziò dalla moglie ebrea e sposò la ricca cristiana Caterina Muazzo. Nel 1660 la moglie denunziò che la sua conversione era soltanto apparente e che in realtà era stata determinata da ragioni puramente economiche: secondo lei, il marito mirava a impossessarsi del suo patrimonio. A conferma del fatto che Dolfin era cripto-ebreo (marrano), Caterina Muazzo sosteneva che egli continuava a mantenere rapporti con la sua famiglia paterna, con la religione giudaica e con il modo di vivere degli ebrei. Oltre a questa denuncia, tuttavia, non si sono trovate altre testimonianze relative all’arresto e alla condanna di Dolfin.
La denuncia contro il presunto cripto-ebreo Nicolò Dolfin deve essere esaminata nell’ottica della strategia stereotipa dell’esclusione e della emarginazione degli ebrei da parte della comunità cristiana locale. Come è noto, quest’ultima avanzava continue richieste alle autorità veneziane di imporre agli ebrei una separazione territoriale (ottenuta nel 1622) ed anche una limitazione riguardante l’esercizio delle loro attività economiche. È da notare poi che la minacciosa politica dei cristiani nei riguardi degli ebrei sia a Corfù che in genere nelle Isole Ionie assumeva anche espressioni estreme, specialmente con le aggressioni della folla contro gli ebrei e i loro beni nella giornata del Venerdì Santo.

Bibliografia

  • Stathis Birtachas, Deviant ideas, prohibited books and aberrant practices: reflections of the Roman Inquisition in the societies of the Venetian Ionian Islands (sixteenth-seventeenth centuries), in “Mediterranean Historical Review”, 32, 1, agosto 2017, pp. 41-64, specialmente pp. 44, 49, 53-54, 55.
  • Photis Baroutsos, Privilege, Legality and Prejudice: The Jews of Corfu on the way to Isolatio, in “Interstizi”: Culture ebraico-cristiane a Venezia e nei suoi domini dal medioevo all’età moderna, a cura di Uwe Israel, Robert Jütte e Reinhold Mueller, Viella, Roma 2010, pp. 295-330.
  • Pier Cesare Ioly Zorattini (a cura di), Processi del S. Uffizio di Venezia contro Ebrei e Giudaizzanti (1642–1681), vol. ΧΙ, Leo S. Olschki, Firenze 1993, pp. 137-159.
  • Pier Cesare Ioly Zorattini, Altre storie di Adriatico. Ebrei e giudaizzanti a Ragusa, nelle isole ioniche e sulla costa dalmata nei processi del S. Uffizio di Venezia, in “Archivio Veneto”, anno CXLII, s. VI, 2, 2011, pp. 17-41, specialmente pp. 32-34.
  • Gerassimos Pagratis, Jews in Corfu’s economy (from the late fifteenth to mid-sixteenth century), in “Mediterranean Historical Review”, 27, 2, dicembre 2012, pp. 189-198.
  • Brian Pullan, Gli ebrei d’Europa e l’Inquisizione a Venezia dal 1550 al 1670, Il Veltro, Roma 1985, pp. 91, 97, 403, 422, 474-475, 480.
  • Nadia Zeldes, Jewish settlement in Corfu in the aftermath of the expulsions from Spain and southern Italy, 1492-1541, in “Mediterranean Historical Review”, 27, 2, dicembre 2012, pp. 175-188.

Article written by Stathis Birtachas | Ereticopedia.org © 2018

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]