Menéndez y Pelayo, Marcelino

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo [ISBN 978-88-942416-0-0]

200px-Men%C3%A9ndez_y_Pelayo_Biblioteca_Nacional_Espa%C3%B1a.jpg

Marcelino Menéndez y Pelayo (Santander, 3 novembre 1856 – Santander, 19 maggio 1912) è stato un poligrafo, erudito e uomo politico spagnolo di orientamento cattolico e nazionalista.

Cenni biografici

Fu deputato, direttore della Biblioteca nazionale spagnola (un monumento in suo onore è posto di fronte all'entrata della biblioteca) e della Real Academia de la Historia.
Sin da giovanissimo si occupò di filologia, storia delle idee e della letteratura, pubblicando numerosi lavori che spaziano dalla letteratura classica alla filosofia alle traduzioni letterarie.
Tra queste è celebre e a lungo restata classica la sua monumentale Historia de los heterodoxos españoles (Librería católica de San Hosé, Madrid, 1880–1882), la quale si estende dalla tarda antichità fino al XIX secolo.

Link

Article written by Daniele Santarelli | Ereticopedia.org © 2013

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]