Giustiniani, Marcantonio

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo [ISBN 978-88-942416-0-0]

Marcantonio Giustiniani (Giustinian) di Nicolò (Venezia, 15 dicembre 1516 – Cefalonia, 25 luglio 1571) fu un patrizio veneziano, tipografo ed editore di libri ebraici.

La stamperia Giustiniani cominciò a funzionare nel 1545 e fino alla cessazione della sua attività nel 1552 si distinse come la maggiore casa editrice di libri ebraici a Venezia. Stampò ottantasei opere ebraiche, tra cui anche il Talmūd babilonese (1551). Al fallimento dell’editore Giustiniani contribuirono da una parte la sua accesa concorrenza con la casa editrice di Alvise Bragadin, anch’egli patrizio veneto, per la pubblicazione del codice di diritto talmudico Mishnāh Tōrāh di Maimonide (1550), e dall’altra le conseguenti misure restrittive imposte dalla Chiesa romana alla pubblicazione di libri ebraici. In conformità al decreto di papa Giulio III (12 settembre 1553) sulla confisca e il rogo di tutti i libri del Talmūd, l’opera in questione e le sue epitomi furono date alle fiamme nelle piazze sia di Venezia che delle altre città dei territori veneziani di terra e da mar. La stamperia subì un danno di circa 24.000 ducati, a causa della distruzione di un elevato numero di copie del Talmūd babilonese che non erano state ancora distribuite sul mercato. La situazione peggiorò ulteriormente per Giustiniani e gli altri commercianti di libri ebraici quando nel 1568 gli Esecutori contro la bestemmia sequestrarono e distrussero a Venezia molti libri ebraici perché non erano stati approvati dalla censura preventiva.
Successivamente a questi fatti e negli ultimi anni della sua vita Marcantonio Giustiniani ricoprì la carica pubblica di provveditore di Cefalonia (27 marzo 1569 – 7 marzo 1571). Durante il suo mandato, il segretario del Reggimento locale Don Angelo Fasoli lo accusò presso il Sant’Uffizio di pubblicare illegalmente nella sede dell’amministrazione dell’isola libri arabi ed ebraici proibiti o non controllati dalla censura, e di commerciarli nell’area del Mediterraneo orientale e del Medio Oriente, e forse anche nella stessa Venezia. Come si deduce dagli atti processuali, gli artigiani specializzati assunti da Giustiniani preparavano: a) la stampa di 50 carte geografiche di tutto il mondo conosciuto e di un testo di preghiere di 30 facciate in lingua turca; b) la rilegatura o anche la ristampa di libri ebraici. Probabilmente si trattava di volumi ebraici che erano sfuggiti alle misure restrittive degli anni precedenti e che il provveditore aveva trasportato da Venezia a Cefalonia, o anche di ristampe di edizioni che erano state distrutte a Venezia. Ciononostante, grazie al voluto ritardo dell’Inquisizione, le indagini non riuscirono a individuare colpe di Giustiniani. L’Inquisizione riservò addirittura lo stesso trattamento privilegiato anche al figlio del patrizio veneto Antonio quando, tre anni dopo, trasportò quattordici casse di libri ebraici da Cefalonia a Venezia.

Bibliografia essenziale

  • David W. Amram, The Makers of Hebrew Books in Italy: Being Chapters in the History of the Hebrew Printing Press, J.H. Greenstone, Philadelphia 1909 (ristampa: Holland Press, Londra 1963), capitoli IX e XI.
  • Laura Antonucci, Giustinian, Marcantonio, in DBI, vol. 57 (2001).
  • Stathis Birtachas, Deviant ideas, prohibited books and aberrant practices: reflections of the Roman Inquisition in the societies of the Venetian Ionian Islands (sixteenth-seventeenth centuries), in “Mediterranean Historical Review”, 32, 1, agosto 2017, pp. 41-64, specialmente pp. 42-43, 47-48, 53, 55.
  • Alfredo Cioni, Bragadin, Alvise, in DBI, vol. 13 (1971).
  • Paul F. Grendler, The Destruction of Hebrew Books in Venice, 1568, in “Proceedings of the American Academy for Jewish Research” 45, 1978, pp. 103-30, specialmente pp. 120-130.
  • Pier Cesare Ioly Zorattini (a cura di), Processi del S. Uffizio di Venezia contro ebrei e giudaizzanti (1561-1570), vol. ΙΙ, Leo S. Olschki, Firenze 1982, pp. 22-24, 139-172.
  • Pier Cesare Ioly Zorattini, Il S. Uffizio di Venezia e il controllo della stampa ebraica nella seconda metà del Cinquecento, in La censura libraria nell’Europa del secolo XV. Convegno Internazionale di Studi (Cividale del Friuli, 9-10 novembre 1995), a cura di Ugo Rozzo, Forum, Udine 1997, pp. 127-146, specialmente pp. 135-139.
  • Marion Leathers Kuntz, Marcantonio Giustiniani, Venetian Patrician and Printer of Hebrew Books, and his Gift to Guillaume Postel: Quid pro quo?, in “Studi veneziani, n.s., 17, 1989, pp. 51-63.
  • Ian Manners, European Cartographers and the Ottoman World, 1500–1750: Maps from the Collection of O.J. Sopranos, The Oriental Institute Museum of the University of Chicago, Chicago 2007, pp. 21-23, 123-124.
  • Stamatula S. Zapanti, Κεφαλονιά 1500-1571: H συγκρότηση της κοινωνίας του νησιού, University Studio Press, Salonicco 1999, pp. 84, 95, 184, 208, 273, 276, 320.

Article written by Stathis Birtachas | Ereticopedia.org © 2018

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]