Macario (monaco greco, XVI sec.)

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo
Edizioni CLORI | Firenze | ISBN 978-8894241600 | DOI 10.5281/zenodo.1309444

Macario è stato monaco greco del XVI sec. giustiziato a Roma per eresia.

Già fuggito da Salonicco e convertitosi all'Islam, si era riconciliato con la Chiesa romana. Pretendeva di aver incontrato il patriarca di Costantinopoli e di essere stato ordinato da lui stesso "arcivescovo di Macedonia". Condannato a morte per eresia dalla Congregazione del Sant'Uffizio, fu impiccato e poi bruciato sul rogo a Roma, presso Ponte Sant'Angelo, il 10 giugno 1562. Ai confortatori non mostrò segni di pentimento e non volle confessarsi.

Bibliografia

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2020

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, "De rerum natura", lib. V]

CLORI%20Botticelli%20header%203.jpg

The content of this website is licensed under Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) License