Limborch, Philippus van

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo [ISBN 978-88-942416-0-0]

Philippus van Limborch (1633-1712) è stato un pastore rimostrante, teologo e storiografo olandese.

Studiò ad Amsterdam e a Utrecht. Fu pastore a Gouda dal 1657 e ad Amsterdam dal 1668. Nel 1669 gli fu affidata la cattedra di teologia nel seminario dei rimostranti di Amsterdam.
Fu cittadino della Repubblica delle Lettere e fu in corrispondenza con molti degli intellettuali a lui contemporanei, in particolare con John Locke.

Si impegnò attivamente nel diffondere e difendere il pensiero arminiano e la sua opera principale, la Theologia Christiana (1686) costituisce una summa della dottrina dei rimostranti.

Scrisse anche, nel quadro del suo sodalizio intellettuale con Locke e su sollecitazione di quest'ultimo, una Historia Inquisitionis (1692), che può essere considerata la risposta protestante ed "eretica" alle storie provvidenziali e apologetiche scritte dai trattatisti cattolici sull'istituzione (e in particolare a quella scritta da Luis de Páramo).

Bibliografia

  • Adriano Prosperi, L’arsenale degli inquisitori, in Id., L’Inquisizione romana. Letture e ricerche, Edizioni di Storia e Letteratura, Roma 2003, pp. 311-324
  • Luisa Simonutti, Limborch’s Historia Inquisitionis and the Pursuit of Toleration, in "Archives Internationales D’Histoire des Idées / International Archives of the History of Ideas", 163, 1999, pp. 237-255
  • Luisa Simonutti, Limborch, Philippus van, in DSI, vol. 2, pp. 909-910

Testi on line

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2013

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]