Chizzola, Ippolito

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo [ISBN 978-88-942416-0-0]

Ippolito Chizzola (Brescia, ca. 1521 - Padova, 1565) è stato un ecclesiastico appartenente all'ordine dei canonici regolari lateranensi, perseguitato e condannato dall'Inquisizione romana, quindi trasformatosi in controversista anti-protestante.

Si avvicinò alle idee della Riforma negli anni quaranta. Fu un valente predicatore (particolarmente ammirate furono le sue prediche a Cremona per la Pasqua 1548 e a Venezia per la Quaresima 1549), ma questa attività gli valse una prima censura nel 1548 e una condanna da parte dell'Inquisizione romana nel 1549. Abiurò a Roma alla fine del 1551, quindi ritrattò pubblicamente a Venezia nel febbraio 1552 davanti al nunzio Ludovico Beccadelli. Da questo momento in poi iniziò di fatto una seconda vita, trasformandosi in attivo controversista antiprotestante
Nel 1565 fu nominato vescovo di Termoli, ma morì prima di poter prendere possesso del vescovado.

Opere

Bibliografia

  • Processo Morone2, vol. 1, pp. 159-60, nota 79
  • Giorgio Caravale, Predicazione e Inquisizione nell'Italia del Cinquecento. Ippolito Chizzola tra eresia e controversia antiprotestante, Il Mulino, Bologna, 2012
  • Francesco Dei, Cesare Santus, Chizzola, Ippolito, in DSI, vol. 1, pp. 329-30
  • Valerio Marchetti, Chizzola, Ippolito, in DBI, vol. 25 (1981)

Link

Article written by Daniele Santarelli | Ereticopedia.org © 2013

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]