Inquisitore maggiore (Sant'Uffizio)

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo [ISBN 978-88-942416-0-0]

Il titolo di Inquisitore maggiore (inquisitor maior) fu attribuito nel Cinquecento ad uno tra i cardinali inquisitori generali in segno di prestigio e di preminenza sugli altri. Fu Paolo IV a conferire, in segno di distinzione, il 14 dicembre 1558 a Michele Ghislieri il titolo vitalizio di "inquisitor maior et perpetuus". Il titolo di "inquisitore maggiore" fu poi attribuito nel 1573 a Scipione Rebiba (morto nel 1577) e nel 1577 a Giacomo Savelli. Dopo la morte di Savelli (1587) il titolo non fu più attribuito a nessun cardinale inquisitore. D'altronde la Congregazione del Sant'Uffizio era stata riorganizzata con l'introduzione della figura del cardinale segretario (il primo a svolgere tale funzione fu Giulio Antonio Santori), mentre il ruolo di presiedere le sedute, in assenza del papa, spettava tradizionalmente al cardinalis antiquior (il cardinale più anziano di nomina).

Bibliografia

Vedi voci correlate

Voci correlate

Page created by Daniele Santarelli | Ereticopedia.org © 2013

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]