Tabaglio, Giuseppe Maria

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo
Edizioni CLORI | Firenze | ISBN 978-8894241600 | DOI 10.5281/zenodo.1309444

Giuseppe Maria Tabaglio (Piacenza, ca. 1652 - Piacenza, 29 maggio 1715) è stato un inquisitore e teologo domenicano originario di Piacenza, commissario generale del Sant'Uffizio dal 1707 al 1713.

Lettore di teologia a Bologna (1682), a S. Sabina in Roma (nominato il 10 giugno 1690) e a Cremona (nominato il 30 dicembre 1690), magister studiorum a Bologna (1692-1693), professore di teologia alla Sapienza di Roma (1703-1707), affiancò all'insegnamento la carriera inquisitoriale.
Fu vicario generale dell'Inquisizione di Parma (nominato nel 1685) e di Bologna (nominato nel 1698), Inquisitore di Brescia (1699-1701), relatore della Congregazione dell'Indice (nominato l'11 luglio 1701), procuratore generale dell'ordine domenicano (1703-1707). Commissario generale del Sant'Uffizio dal 12 ottobre 1707, lasciò l'incarico nel dicembre 1713, ritirandosi poco dopo in convento a Piacenza, sua città natale, dove morì nel 1715.

Bibliografia

  • Hubert Wolf, Hermann H. Schwedt, Jyri Hasecker, Dominik Höink, Judith Schepers (a cura di), Prosopographie von Römischer Inquisition und Indexkongregation 1701-1813, Schöningh, Paderborn 2010, vol. 2, pp. 1217-1220.

Link

Voci correlate

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2013

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, "De rerum natura", lib. V]

CLORI%20Botticelli%20header%203.jpg

The content of this website is licensed under Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) License