Sadoleto, Giulio

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo [ISBN 978-88-942416-0-0]

Giulio Sadoleto è stato un patrizio modenese del XVI sec. perseguitato dall'Inquisizione.

Ricco mercante, era cugino del cardinale Jacopo Sadoleto e di Paolo Sadoleto, successore di questi come vescovo di Carpentras. Membro della conventicola eterodossa modenese, citato a comparire davanti all'Inquisizione modenese nel novembre 1569, non esitò a prendere la via della fuga, prima a Francoforte, poi dal 1571 a Chiavenna. Il 27 dicembre 1572 fu condannato in patria alla confisca dei beni e al rogo in effigie. In seguito si stabilì a Morbegno con la moglie Giulia e i nove figli.
Uno di questi, Giacomo, tentò vanamente di recuperare i beni di famiglia con un'abiura formale e una professione di fede che non seppe onorare.

Bibliografia

  • Processo Morone2, vol. 1, ad indicem
  • Matteo Al Kalak, Sadoleto, Giulio, in DSI, vol. 3, p. 1357

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2013

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]