Vanini, Giulio Cesare

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo [ISBN 978-88-942416-0-0]

Vanini.jpg

Lucilio Vanini, detto Giulio Cesare Vanini (Taurisano, Lecce, 1585 - Tolosa, 9 febbraio 1619) è stato un filosofo e medico condannato a morte per ateismo.

Biografia

Studiò a Napoli ed entrò nell'ordine carmelitano. Trasferito in un convento a Padova, dove risiedette dal 1608 al 1612, ne approfittò per studiare teologia all'università, accostandosi all'averroismo e al pensiero di Pietro Pomponazzi. Entrato in contrasto col suo ordine per le sue posizioni filoveneziane nell'affare dell'Interdetto contro Venezia, lo abbandonò iniziando a viaggiare per l'Europa. Approdò in Inghilterra, convertitosi all'anglicanesimo. Tuttavia, poiché la sua indole anticonformista e "libertina" non era gradita agli anglicani, Vanini tornò quasi subito al cattolicesimo. Quindi fuggì, rientrando in Italia (a Genova) e stabilendosi nel 1615 in Francia, a Lione e poi a Tolosa. Qui fu arrestato, processato e condannato a morte per ateismo.

Testi on line

Bibliografia

Vedi:

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2013

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]