Basalù, Giulio

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo [ISBN 978-88-942416-0-0]

Giulio Basalù o Besalù è stato un eretico antitrinitario.

Cugino di Girolamo Busale, già accusato da altri "pentiti" (un certo Antonio Dell’Olio nel 1548, Marcantonio Villamarina nel 1551, Ranieri Gualandi nel 1552), si presentò spontaneamente all'Inquisizione di Venezia, divenendo pentito lui stesso, nel marzo 1555 per approfittare del'indulto di Giulio III del 1550.
Affermò di essersi trasferito da Napoli a Padova, per intraprendervi gli studi giuridici, nel 1538 e di essersi là convertito alle nuove idee religiose. Rientrato a Napoli nei primi anni quaranta, era stato discepolo di Juan de Villafranca, misterioso teologo spagnolo che radicalizzò il pensiero di Juan de Valdés.

Bibliografia

Voci correlate

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2013-2015

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]