Gonzaga, Giulia
220px-Ggonzaga.jpg

Giulia Colonna Gonzaga (Gazzuolo 1513 - Napoli, 19 aprile 1566) è stata una nobildonna del Cinquecento sospettata di eresia.

Biografia

Appartenente alla famiglia dei duchi di Sabbioneta, sposò a 13 anni, nel 1526, Vespasiano Gonzaga conte di Fondi, che morì prematuramente, nel 1528.

Governò quindi da sola il suo stato, impegnandosi nel mecenatismo e trasformandolo in un raffinato centro di cultura.

Nel 1535 conobbe Pietro Carnesecchi e Juan de Valdés. Nel 1536 rimase folgorata dalla predicazione quaresimale a Napoli di Bernardino Ochino. La sua conversione ispirò Juan de Valdés nella stesura dell'Alfabeto cristiano, dialogo tra il Valdés stesso e la nobildonna mantovana. Impegnatasi a diffondere la conoscenza delle opere del Valdés, alla sua morte nel 1541 ne ereditò tutti i manoscritti.

Nel 1553, allorché un'indagine inquisitoriale si stava già svolgendo a suo carico, si ritirò in monastero a Napoli. Sempre più sospetta di eresia, la morte, avvenuta nell'aprile 1566, pochi mesi dopo l'elezione di Pio V (gennaio 1566), la sottrasse a conseguenze peggiori. Ma la sua abitazione napoletana fu perquisita e il suo carteggio, sequestrato, fu il capo d'accusa principale della brutale persecuzione di Pio V contro quel che restava del gruppo degli "spirituali", la cui vittima più illustre fu Pietro Carnesecchi, che con la Gonzaga ebbe una fitta corrispondenza.

Bibliografia

Link

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2013

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]