Vittori, Girolamo

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo
Edizioni CLORI | Firenze | ISBN 978-8894241600 | DOI 10.5281/zenodo.1309444

Girolamo Vittori, figlio del celebre medico di origini faentine Benedetto Vittori (1481-1561), che fu professore presso gli Studi di Padova e di Bologna, e che a Bologna si stabilì, acquisendone la bolognese, raccolse attorne a sé un circolo ereticale che si riuniva nella sua casa bolognese. Per fuggire alla persecuzione inquisitoriale, si rifugiò a Ginevra (ottenne la cittadinanza ginevrina nel 1567 e il titolo di borghese nel 1574). Nel 1567 fu processato in contumacia dall'Inquisizione di Bologna, condannato a morte e alla confisca dei beni e bruciato in effigie.

Bibliografia

  • Antonio Battistella, Il S. Officio e la riforma religiosa in Bologna, Zanichelli, Bologna 1905, pp. 102-104.
  • John Barthélemy Gaïfre Galiffe, Le refuge italien de Genève aux XVIme et XVIIme siècles, H. Georg, Genève 1881, p. 159.

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2020

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, "De rerum natura", lib. V]

CLORI%20Botticelli%20header%203.jpg

The content of this website is licensed under Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) License