Rinaldi, Girolamo

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo
Edizioni CLORI | Firenze | ISBN 978-8894241600 | DOI 10.5281/zenodo.1309444

Girolamo Rinaldi o Ranialdi è stato un aromatario bolognese del XVI sec., perseguitato dall'Inquisizione.

Fu processato dall'Inquisizione di Bologna nel gennaio 1543. Aveva raccolto attorno a sé un gruppo ereticale composto da piccoli artigiani e commercianti, ma anche da maestri di scuola e di grammatica (come Alessandro Gandino) e personaggi altolocati (come il patrizio Angelo Ruggeri e il ricco mercante di armi Ludovico Medegini), che subì un'importante retata. Il maestro di scuola Alessandro Gandino gli aveva fornito il Pasquino di Celio Secondo Curione. Rinaldi inoltre leggeva la Bibbia in volgare.
Rinaldi fu scarcerato, con l'obbligo di non lasciare la città di Bologna.

Bibliografia

  • Processo Morone2, vol. II, pp. 1399-1400, nota 34.
  • Antonio Rotondò, Studi di storia ereticale del Cinquecento, Olschki, Firenze 2008, vol. I, pp. 278-279.

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2020

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, "De rerum natura", lib. V]

CLORI%20Botticelli%20header%203.jpg

The content of this website is licensed under Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) License