Giovanni da Cartignano

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo
Edizioni CLORI | Firenze | ISBN 978-8894241600 | DOI 10.5281/zenodo.1309444

Giovanni da Cartignano, detto Giovanni delle Spinelle (dal suo mestiere), è stato un artigiano condannato a morte dall'Inquisizione.

Originario di Cartignano in Val Maira, nel territorio del marchesato di Saluzzo, di mestiere fabbricava cannucce per botti e tini. Perseguitato dall'Inquisitore Tommaso Giacomelli, fu condannaro a morte e arso sul rogo il 14 marzo 1560 a Carignano, nei pressi di Torino (la somiglianza tra il luogo di nascita e quello di morte ha generato confusione ed è talvolta citato come Giovanni da Carignano).

Scipione Lentolo elogiò il suo martirio nella sua Historia delle grandi e crudeli persecutioni fatte ai tempi nostri in Provenza, Calabria e Piemonte contro il popolo che chiamano valdese (…).

Bibliografia

  • Arturo Pascal, Il Marchesato di Saluzzo e la Riforma protestante durante il periodo della dominazione francese, 1548-1588, Sansoni, Milano 1960, p. 190.

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2020

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, "De rerum natura", lib. V]

CLORI%20Botticelli%20header%203.jpg

The content of this website is licensed under Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) License