Selve, Georges de

Georges de Selve (1508/1509-1541) è stato un umanista, vescovo e ambasciatore francese.

Nel 1528 fu nominato vescovo di Lavaur.
Fu ambasciatore francese a Venezia (1535-36), a Roma (1537-38) e presso l'imperatore Carlo V (1539-40).
Erasmiano e brillante umanista, tradusse le prime otto Vite di Plutarco. Fu sostenitore di posizioni ireniche e concilianti in tema di dispute religiose, non lontane dalla sensibilità di Jacques Léfebvre d'Etaples e dei primi "riformatori" francesi.
Holbein lo raffigurò nella sua celebre tela Gli ambasciatori.

Fu figlio di Jean de Selve, abile negoziatore e stretto collaboratore di Luigi XII e Francesco I, e fratello di Odet de Selve, che fu ambasciatore in Inghilterra (1546-49), a Venezia (1550-54) e a Roma (1556-58).

Bibliografia

  • Philippe Hamon, Selve, famille de, in La France de la Renaissance, pp. 1074-1075
  • Processo Morone, vol. 2, p. 298, nota 19

Link

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2014

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]