Trenta, Cristoforo

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo [ISBN 978-88-942416-0-0]

Cristoro Trenta è stato un mercante ed eretico lucchese del XVI secolo, perseguitato per eresia ed espatriato a Ginevra.

Membro di un antico e prestigioso casato, ricoprì le massime cariche cittadine. Nell'agosto 1542 favorì la fuga di Pier Martire Vermigli, custodendone la biblioteca. Insieme a Matteo Gigli fu tra i sei notabili cittadini lucchesi che nel 1549 rischiarono il bando dal territorio della Repubblica, ma riuscì a cavarsela grazie al suo rango. Scampato il pericolo, proseguì la sua attività di propaganda eterodossa nella città come se nulla fosse successo, ma fu infine costretto a rifugiarsi a Ginevra, dove ottenne la cittadinanza nel dicembre 1556 e fu raggiunto dal bando effettivamente comminatogli solo il 27 dicembre 1558.
Giunto da poco a Ginevra, ospitò in casa sua per circa un anno l'eretico antitrinitario Valentino Gentile, salvandolo poi dalla condanna allorché questi fu processato dalle autorità ginevrine nel 1558.

Bibliografia

  • Processo Morone2, vol. 1, pp. 185-86 nota 47
  • Simonetta Adorni Braccesi, Una città infetta: la Repubblica di Lucca nella crisi religiosa del Cinquecento, Olschki, Firenze 1994, ad indicem
  • Marino Berengo, Nobili e mercanti nella Lucca del Cinuqecento, Einaudi, Torino 1974, ad indicem

Link

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2013

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]