Saccardino, Costantino

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo [ISBN 978-88-942416-0-0]

Costantino Saccardino è stato un eretico condannato a morte dall'Inquisizione romana a Bologna nel 1622.

Romano, aveva già subito una carcerazione e si era sottoposto all'abiura nel 1616. Fu catturato dall'Inquisizione di Bologna, alla conclusione di un'inchiesta condotta dall'inquisitore Paolo de Vicariis dopo che per alcuni anni, alla testa di un gruppo di cui facevano parte anche il figlio Bernardino e Pellegrino e Girolamo de' Todeschi, aveva spregiato immagini sacre e diffuso cartelli blasfemi in città. Nel 1622 i quattro furono impiccati, quindi i loro cadaveri furono bruciati sul rogo.

La vicenda fu narrata dal letterato Ridolfo Campeggi nel libretto coevo intitolato Racconto de gli heretici iconomiasti.

Bibliografia

  • Carlo Ginzburg, Marco Ferrari, La colombara ha aperto gli occhi, in “Quaderni storici”, n. 38 (1978), pp. 631-39
  • John Tedeschi, Campeggi, Ridolfo, in DSI, vol. 1, pp. 253-254

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2013

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]