Bernaudo, Consalvo

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo [ISBN 978-88-942416-0-0]

Consalvo de Bernaudo è stato un nobile del Regno di Napoli perseguitato dall'Inquisizione romana.

Fu figlio del cosentino Bernardo de Bernaudo, che servì come segretario e diplomatico i sovrani aragonesi e quindi i re spagnoli, ottenendo i titoli di barone di Camarda e di Montaguto.
Fece parte del circolo valdesiano radicale raccolto attorno a Juan de Villafranca ed ospitò a casa sua varie riunioni del gruppo.
Fu processato una prima volta dal Sant'Uffizio a Roma nel 1552-1553, insieme all'amico Cesare Carduino, barone di Parete,

Fu di nuovo arrestato nel 1564, nel quadro della persecuzione contro Gian Francesco Alois e le persone a lui legate. Il nuovo processo romano si concluse nel 1568 con la condanna all'immurazione.

Bibliografia

  • Luca Addante, Eretici e libertini nel Cinquecento italiano, Laterza, Roma-Bari 2010
  • Luca Addante, Valentino Gentile e il dissenso religioso nel Cinquecento, Edizioni della Normale, Pisa 2014
  • Ingeborg Walter, Bernaudo, Bernardo de, in DBI, vol. 9 (1967)

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2015

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]