Codice etico

Codice etico della rivista "Quaderni eretici"

Quaderni eretici. Studi sul dissenso politico, religioso e letterario (ISSN 2421-3012)

La rivista "Quaderni eretici" promuove gli studi sul mondo del dissenso politico, religioso e letterario, con particolare (ma non esclusivo) riferimento allo spazio geopolitico mediterraneo in età medievale, moderna e contemporanea. La direzione, di concerto con il comitato editoriale che la assiste, accoglie i contributi inviati liberamente dagli studiosi, valutandone la pertinenza rispetto alle tematiche scientifiche di interesse della rivista. Quindi ogni contributo ricevuto è sottoposto a valutazione da parte di due revisori esterni al comitato editoriale e al comitato scientifico. Il nome dell’autore del contributo è occultato nella versione dello stesso inviata ai revisori esterni, in modo da prevenire potenziali conflitti d’interessi. Non possono peraltro essere designati revisori di un contributo studiosi che sono stati relatori di tesi di laurea, perfezionamento o dottorato prodotte dall’autore, né colleghi appartenenti alla stessa struttura/dipartimento dell’autore, né parenti e affini fino al quarto grado. Ogni revisore deve effettuare un'argomentata valutazione, compilando un apposito modulo. Se la valutazione di entrambi i revisori è positiva, il contributo è accolto e pubblicato nella rivista. Se uno dei due o entrambi i revisori ritengono il contributo pubblicabile solo previo correzioni e integrazioni, è richiesto all’autore del contributo proposto di apportarle. Se le valutazioni dei due revisori sono di opposto segno (una positiva, l’altra negativa), si ricorre al parere di un terzo revisore e solo in caso di valutazione positiva di quest’ultimo, il contributo può essere accettato. Le regole sopra menzionate si applicano a tutti i contributi ricevuti ad eccezione delle recensioni. Queste ultime, per essere pubblicate, necessitano solamente della valutazione positiva della direzione e del comitato editoriale.
Gli autori dei contributi proposti per la pubblicazione sulla rivista sono tenuti a inviare testi di loro esclusiva paternità e liberi da copyright. La direzione e il comitato editoriale sono vincolati alle disposizioni di legge in vigore in materia di diffamazione, violazione del copyright e plagio e, in ottemperanza a tali disposizioni, si impegnano ad effettuare ogni verifica necessaria e possibile sui testi ricevuti.

Codice etico del "Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo"

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo (ISBN 978-88-942416-0-0)

La collaborazione con il Dizionario è aperta a tutti coloro che condividano gli scopi e gli ideali dell'iniziativa (descritti approfonditamente nella home page di questo sito).
Ogni voce proposta per il Dizionario è sottoposta al vaglio del comitato editoriale e di uno o due revisori (a seconda del tipo e della consistenza della voce), competente/i sulle tematiche trattate. Nella scelta dei revisori è posta attenzione al fatto che essi non abbiano rapporti personali/professionali riconducibili a strette collaborazioni, parentela/affinità fino al quarto grado, forte amicizia o inimicizia con l'autore/gli autori della voce sottoposta ad esame. Se la valutazione è pienamente positiva la voce è accolta. Se la valutazione è solo parzialmente positiva, possono essere richieste all'autore integrazioni, modifiche, correzioni. Se la valutazione è negativa la voce proposta non è accettata per la pubblicazione.
Data la caratteristica "evolutiva" del Dizionario, ampiamente descritta nella home page di questo sito, dopo che una voce è accettata e pubblicata, l'autore gode della piena fiducia del comitato editoriale e può intervenire in ogni momento sulla voce stessa per piccole integrazioni e aggiornamenti (in prima persona, attraverso gli strumenti di editing on line, oppure segnalando le modifiche da effettuarsi al comitato editoriale e redazionale).
Le voci redazionali (firmate "Redazione") hanno un carattere particolare, che rispecchia la fisionomia "evolutiva" del Dizionario: sono da considerarsi provvisorie; se un autore esterno al comitato editoriale e redazionale è interessato a una di queste voci, è autorizzato a integrarne e completarne il testo (apponendo poi la propria firma) oppure può redigere la voce ex novo (la scelta è a totale discrezione dell'interessato).
Una voce già firmata da un autore può essere, se necessario, integrata e modificata da un altro autore (che co-firma il risultato finale) ma solo previo il consenso scritto del primo autore.
Fatta salvo l'ampia possibilità di modifiche e integrazioni, nelle modalità sopra descritte, una voce pubblicata nel Dizionario non può assolutamente in nessun caso esserne rimossa per decisione unilaterale dell'autore/degli autori o del comitato editoriale.
Gli autori dei contributi proposti per la pubblicazione sul Dizionario sono tenuti a inviare testi di loro esclusiva paternità e liberi da copyright. Il comitato editoriale è vincolato alle disposizioni di legge in vigore in materia di diffamazione, violazione del copyright e plagio e, in ottemperanza a tali disposizioni, si impegna ad effettuare ogni verifica necessaria e possibile sui testi ricevuti.

Page created by Daniele Santarelli | Ereticopedia.org © 2013-2017

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]