Sozzini, Celso

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo [ISBN 978-88-942416-0-0]

Celso Sozzini o Socini (Siena, 1517 - Siena, 1570) è stato un giurista.

Studiò e insegno a Siena, quindi dal 1551 fu chiamato a insegnare diritto canonico presso l'Università di Bologna, dove già insegnava il padre Mariano Sozzini. Morto questi nel 1556, gli succedette nella cattedra.
A Bologna fondò nel 1554 l'effimera Accademia dei Sizienti, trasferitasi poi a Siena dove Celso fece ritorno nel 1563.

Fu oggetto di indagini da parte dell'Inquisizione, ma la sua posizione di docente universitario e il suo dichiararsi sempre cattolico lo preservarono da conseguenze peggiori (come nei casi del fratello Cornelio Sozzini, più volte incarcerato e processato, dell'altro fratello Lelio Sozzini e del nipote Fausto Sozzini, costretti all'esilio).

Bibliografia

  • Paul F. Grendler, The Universities of the Italian Renaissance, Johns Hopkins University Press, London 2002
  • Valerio Marchetti, Gruppi ereticali senesi del Cinquecento, La Nuova Italia, Firenze 1975
  • Michaela Valente, I Sozzini e l’Inquisizione, in Lech Szczucki (a cura di), Faustus Socinus and his Heritage, Polish Academy of Sciences, Kraków 2005, pp. 29-51
  • Giampaolo Zucchini, Celso e Camillo Sozzini nel gruppo ereticale familiare. Nuovi documenti in Svizzera, 1561-1570, Centro stampa Lo Scarabeo, Bologna 1981

Link

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2014
To be improved

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]