Caccianemici, Camilla

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo
Edizioni CLORI | Firenze | ISBN 978-88-942416-0-0 | DOI 10.5281/zenodo.1309444

Camilla Caccianemici, moglie di Camillo Ragnolo, arrestata nel 1567 nell'ambito della retata inquisitoriale contro il circolo ereticale faentino, fu condannata a morte e giustiziata per impiccagione - quindi il cadavere fu arso sul rogo - il 23 agosto 1569 a Faenza. Due mesi prima il marito era stato giustiziato nello stesso modo a Roma.

Bibliografia

  • Francesco Lanzoni, La controriforma nella città e diocesi di Faenza, F. Lega, Faenza 1925

Links

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2013

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]

The content of this website is licensed under Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) License