Fornari, Callisto

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo [ISBN 978-88-942416-0-0]

Callisto Fornari, detto anche Callisto da Piacenza (Piacenza, 18 aprile 1484 - Piacenza, 30 dicembre 1552), è stato un predicatore e inquisitore, appartenente all'ordine dei canonici regolari lateranensi.

Biografia

Nonostante la fama di predicatore e gli importanti incarichi svolti, della sua biografia si sa poco.

Nel 1518 si trovava a Napoli, dove probabilmente predicò la quaresima: collaborò con Ettore Vernazza, fondatore della Compagnia del Divino Amore, con cui fondò la Confraternita dei Bianchi, dedita al conforto dei condannati a morte.
Nel 1519 si trasferì a Fiesole e a Firenze fondò una compagnia per l'assistenza ai moribondi, finanziata dal cardinale Giulio de' Medici. A questi, divenuto nel 1523 papa Clemente VII, Fornari dedicò il Tractatus de recto regendi pontificatu. Il 4 gennaio 1532 Clemente VII, con un provvedimento clamoroso, lo nominava predicatore apostolico e "inquisitorem generalem… haeresis lutheranae tantum per totam Italiam". L'attività di Fornari in tale ruolo è poco documentata e non si può dire se sia stata rilevante o meno, tuttavia il provvedimento testimonia da un lato l'ammirazione di Clemente VII per il Fornari, dall'altro la sua preoccupazione per la diffusione delle nuove idee religiose in Italia.
Morì a Piacenza il 30 dicembre 1552.

Delle sue opere si hanno a stampa, tra l'altro, sei prediche tenute a Mantova nel 1537, le Ennarationes Evangeliorum e il Trattato del vero christiano (entrambe pubblicate nel 1550, quindi ristampate).

Bibliografia

  • Agostino Borromeo, Fornari, Callisto in DBI, vol. 49 (1997)
  • Giovanni Romeo, L’Inquisizione nell’Italia moderna, Laterza, Roma-Bari 2002

Link

Article written by Daniele Santarelli | Ereticopedia.org © 2013

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]