Tomitano, Bernardino

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo [ISBN 978-88-942416-0-0]

Bernardino Tomitano (Padova, 1517 – Padova, 1576) è stato un medico, umanista e grammatico.

Noto per il suo trattato Ragionamenti della lingua toscana (1546), i suoi commenti su Aristotele e i suoi studi sulla peste, fu sospettato di eresia in seguito all'Espositione letterale del testo di Mattheo evangelista (1547), traduzione di un'opera latina di Erasmo commissionatagli da Giovan Gioachino da Passano, e dedicata alla moglie di quest'ultimo, Caterina Sauli. L'opera fu inserita da Giovanni Della Casa nell'Indice veneziano del 1549; e figurò anche negli Indici veneziano e milanese del 1554 e in tutti gli Indici romani a partire da quello di Paolo IV del 1559. Presentatosi spontaneamente all'Inquisizione di Venezia nel 1555, riuscì a discolparsi, pronunciando davanti ai giudici due orazioni, la prima contro Erasmo, la seconda contro i protestanti. Da allora in poi non ebbe più noie da parte dell'Inquisizione.

Bibliografia

  • Aulo Greco, Tomitano Bernardino, in Enciclopedia dantesca, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, Roma 1970
  • Marco Pecoraro, Tomitano, Bernardino, in Dizionario critico della letteratura italiana, UTET, Torino 1973, vol. 3, pp. 507-512
  • Silvana Seidel Menchi, Tomitano, Bernardino, in DSI, vol. 3, p. 1585

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2013

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]