Pigafetta, Antonio Francesco

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo
Edizioni CLORI | Firenze | ISBN 978-8894241600 | DOI 10.5281/zenodo.1309444

Antonio Francesco Pigafetta è stato un medico del XVI sec., esule religionis causa.

Membro di una antica e prestigiosa famiglia vicentina, nacque a Vicenza verso il 1535. Era figlio di Giovan Battista Pigafetta, medico, e aveva tra i suoi fratelli Celso Pigafetta, anch'egli medico, e Marcantonio Pigafetta, agente diplomatico. Studiò medicina a Padova, specializzandosi in anatomia. Fu allievo di Gabriele Falloppia e di Bernardino Tomitano, addottorandosi il 14 novembre 1561. Rientrato nella città natale, nel 1562 fondò con il fratello Celso Pigafetta il Collegio medico vicentino.
I Pigafetta erano pesantemente coinvolti nel dissenso religioso vicentino e incapparono nella persecuzione inquisitoriale alla fine degli anni sessanta. Antonio Francesco, per fuggire la persecuzione, nel 1568 si rifugiò a Chiavenna presso Alessandro Trissino, spostandosi quindi a Basilea nel 1572 e ad Heidelberg nel 1573, dove risiedette fino al 1575, contando sulla protezione di Odoardo Thiene, che lo aveva invitato nella città. Ad Heidelberg, dove dovette accogliere per un periodo il fratello Marcantonio, anch'egli fuggiasco, tentò di affermarsi come medico senza successo ed entrò in conflitto con Thomas Erastus, precedentemente suo amico, che tentò di screditare accusandolo di essere un eretico radicale. Erastus riuscì a discolparsi e la conseguenza fu che Antonio Francesco Pigafetta fu bandito dalla città. Si trasferì quindi a Francoforte, raccomandato da Odoardo Thiene a Federico III del Palatinato per un incarico come medico cittadino. Dopo il trasferimento a Francoforte, non si hanno ulteriori notizie di lui e se ne ignora la data di morte.

Bibliografia

  • Alessandra Celati, Pigafetta, Antonio Francesco, in DBI, vol. 83 (2015).
  • Daria Perocco, Pigafetta, Marc'Antonio, in DBI, vol. 83 (2015).
  • Daria Perocco, Su Marc’Antonio Pigafetta (e dintorni), in Itinera orientalia. Itinerari veneti tra Oriente e Occidente. Relazioni di viaggio tra identità e alterità, a cura di Giovanni Pedrini, Nico Veladiano, Editrice Veneta, Vicenza 2010, pp. 251-290.
  • Achille Olivieri, Riforma ed eresia a Vicenza nel Cinquecento, Herder, Roma 1992, ad indicem.

Article written by Daniele Santarelli & Domizia Weber | Ereticopedia.org © 2020

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, "De rerum natura", lib. V]

CLORI%20Botticelli%20header%203.jpg

The content of this website is licensed under Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) License