D'Alessio, Antonio

Antonio D'Alessio è stato un eretico radicale del XVI sec.

Fu membro del gruppo valdesiano radicale dei discepoli di Juan de Villafranca ed ospitò in casa sua a Napoli alcuni riunioni del gruppo, mentre il Villafranca era malato e prima che quest'ultimo si trasferisse in casa di Isabella Breseño.
Arrestato a Napoli nel dicembre 1552, fu condannato il 9 marzo 1553 alla fustigazione pubblica, a una multa di 200 scudi d'oro da versare al Sant'Uffizio e al servizio sulle galere (pena condonatagli previo il pagamento di altri 200 scudi) e a vestire l'abitello.
Abiurò pubblicamente a Roma il 21 marzo 1553.

Di nuovo arrestato nel maggio 1553, fu confinato prima nel monastero di S. Pietro a Vincoli poi in quello di Sant'Agnello in Napoli.

Bibliografia

  • Luca Addante, Eretici e libertini nel Cinquecento italiano, Laterza, Roma-Bari 2010 (in part. pp. 48-49, 52-54 e 160)

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2015

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]