Zaccaria, Andrea

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo
Edizioni CLORI | Firenze | ISBN 978-88-942416-0-0 | DOI 10.5281/zenodo.1309444

Andrea Zaccaria di Marco (Nicosia anni ’40 del XVI secolo – …?) fu allievo dello studio di Padova, chierico e rampollo di una famiglia dell’aristocrazia cipriota. Suo padre Marco fu rasonato fiscale della Real Camera di Cipro.

Andrea Zaccaria nacque a Nicosia negli anni ’40 del XVI secolo. Era destinato a seguire la carriera ecclesiastica e già negli anni dei suoi studi universitari si era assicurato le rendite di un arcidiaconato di Nicosia. Era stato mandato a Padova per studiare diritto, ma già nel 1558 manifestava al padre il desiderio di dedicarsi agli studi di filosofia. Si dichiarava inoltre intenzionato a rinunciare ai benefici ecclesiastici di cui godeva, dal momento che essi – come affermava – erano in contrasto con le sue convinzioni. Come si sarebbe dimostrato in seguito, durante il suo soggiorno a Padova Andrea entrò in contatto con una cerchia di simpatizzanti della Riforma, come Oddo Quarto di Monopoli, in strette relazioni con diversi esponenti del gruppo degli “spirituali”; con il conte bresciano Ulisse Martinengo, fuggito poi a Ginevra e divenuto allievo di Théodore de Bèze e in seguito pastore calvinista a Chiavenna; con Giovanni Battista Gavardo, Marc’Antonio Gandino e altri.
La combinazione di cultura erasmiana e cultura protestante e la propensione a diffondere il pensiero evangelico da parte della cerchia di Padova causarono una procedura di accusa da parte dell’Inquisizione a carico dei suoi membri, tra cui anche di Andrea. Nell’indagine svolta su quest’ultimo fu implicato anche suo padre Marco che abitava a Nicosia, perché venne sequestrata una ricca e compromettente corrispondenza intercorsa fra i due. Da segnalare, inoltre, il fatto che nella biblioteca di Marco furono trovati libri proibiti. Il padre fu arrestato e deferito al Sant’Uffizio di Venezia. Qui prese le distanze dal dissenso religioso del figlio, ricusò tutte le accuse e fu assolto. Alla fine, le conoscenze altolocate della famiglia Zaccaria, come pure la sua ubbidienza alla Dominante (Marco fu rasonato fiscale della Real Camera di Cipro) determinarono l’esito anche del processo a carico del figlio: la pena inflitta ad Andrea fu limitata a una serie di penitenze spirituali.
Si deve tuttavia tenere presente anche la particolare congiuntura: l’anno in cui si svolse il processo a carico dei due Zaccaria coincide con il periodo in cui a Cipro si manifestarono tensioni sociali, e in particolare ebbero luogo l’arresto e l’esecuzione capitale del rivoltoso Jacomo Diassorinò, la manifestazione di circa 8.000 persone a sostegno di lui avvenuta a Nicosia e soprattutto il coinvolgimento di alcuni aristocratici nella rivolta. Nella situazione generale si inserisce anche l’accentuarsi della minaccia ottomana nel Mediterraneo orientale che si manifestava, tra l’altro, attraverso congiure organizzate contro la dominazione veneziana nell’isola, alle quali partecipavano anche abitanti del luogo. Per conseguenza, la Serenissima aveva buone ragioni per intervenire a difesa degli Zaccaria, suoi fedeli sudditi.

Bibliografia

  • Federica Ambrosini, Inquietudini religiose e intrecci familiari tra Cipro e Venezia nel secolo XVI, in La Serenissima a Cipro. Incontri di culture nel Cinquecento, a cura di Evangelia Skoufari, Viella, Roma 2013, pp. 13-46, in particolare pp. 26-34.
  • Stathis Birtachas, Le idee della Riforma in terra balcanica: il viaggio del “beneficio di Cristo” dall’Italia al Levante veneziano e ottomano, in "Annuario dell’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia", 9, 2007, pp. 39-45, in particolare p. 42.
  • Stathis Birtachas, Μορφές πρόσληψης της Μεταρρύθμισης και μηχανισμοί πειθάρχησης στην Ιταλία στα μέσα του 16ου αιώνα: Κύπριοι βενετοί υπήκοοι στη ρωμαϊκή Ιερά Εξέταση, in “Κυπριακαί Σπουδαί”, 73, 2009, pp. 157-169, in particolare pp. 165-166.
  • Stathis Birtachas, Ουμανισμός, Μεταρρύθμιση και Αντιμεταρρύθμιση στη βενετική Κύπρο: αφομοίωση, αντίσταση και νέες ταυτότητες, in Ταυτότητες στον ελληνικό κόσμο (από το 1204 έως σήμερα). Πρακτικά του Δ΄ Διεθνούς Συνεδρίου Ευρωπαϊκής Εταιρείας Νεοελληνικών Σπουδών (Γρανάδα, 9-12 Σεπτεμβρίου 2010), a cura di K. A. Dimadis, vol. III, Società Europea di Studi Neoellenici, Atene 2011, pp. 665-674, in particolare pp. 670-672.
  • Evelien Chayes, Ciprioti fuoriusciti riformati: Coinvolgimento accademico e coscienza geografica. L’impresa degli Zaccaria da Padova a Nicosia, in La Serenissima a Cipro. Incontri di culture nel Cinquecento, a cura di Evangelia Skoufari, Viella, Roma 2013, pp. 47-64.
  • P. Kitromilides, Βιβλία και ανάγνωση στη Λευκωσία της Αναγέννησης. Η μαρτυρία της βιβλιοθήκης του Μάρκου Ζαχαρία, in Πρακτικά του Διεθνούς Συμποσίου Κύπρος-Βενετία κοινές ιστορικές τύχες (Αθήνα, 1-3 Μαρτίου 2001), a cura di Chryssa A. Maltezou, Istituto Ellenico di Studi Bizantini e Postbizantini di Venezia – Ambasciata di Cipro in Grecia / Casa di Cipro – Biblioteca Gennadios di Atene, Venezia 2002, pp. 263-275.
  • Achille Olivieri, Le lettere dei mercanti Andrea e Marco Zaccaria (1555-1560) e Sperone Speroni: una discussione sul «Christus» spirituale e la «professione», in “Bolletino della Società di studi valdesi”, 194, 2004, pp. 119-132.
  • Riformatori bresciani del ’500. Indagini, a cura di Roberto Andrea Lorenzi, Grafo, Brescia 2006, in particolare gli articoli di Achille Olivieri, Umanesimo erasmiano degli “eretici” bresciani del Cinquecento, pp. 17-21; Brescia e la “religio helvetica” (1572-1574), pp. 169-187; Helvetica religio e humanitas. Carte archivistiche inerenti Andrea Zaccaria ed Ulisse Martinengo, pp. 249-263.
  • Cesare Vasoli, «Errar in filosofico humore». Una lettera di Francesco Patrizi e un processo per eresia a Venezia. 1562-1563, in Id., Francesco Patrizi da Cherso, Bulzoni, Roma 1989, pp.109-148.
  • Cesare Vasoli, Il processo per eresia di Oddo Quarto da Monopoli, in Id., Civitas mundi: studi sulla cultura del Cinquecento, Storia e Letteratura, Roma 1996, pp. 139-189.

Article written by Stathis Birtachas | Ereticopedia.org © 2018

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]