Zordan, Anastasio

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo
Edizioni CLORI | Firenze | ISBN 978-8894241600 | DOI 10.5281/zenodo.1309444

Anastasio Zordan è stato un prete del XVI sec. perseguitato per eresia dall'Inquisizione veneziana.

Primo prete titolato della chiesa di Sant'Agnese a Venezia, fu denunciato al Sant'Uffizio nell'estate 1567 per aver proferito varie affermazioni scandalose ed ereticali, in particolare che Cristo non poteva conoscere né il giorno né l'ora della morte degli uomini, che l'assoluzione in confessione valeva anche per i peccati non confessati in quanto dimenticati (anche nel caso dei peccati mortali). Contro di lui testimoniarono anche il pievano della stessa chiesa di Sant'Agnese e altri preti.
Il processo inquisitoriale a suo carico durò dal 20 agosto al 23 settembre 1567. Anastasio Zordan, messo alle strette, richiese la grazia. Si sottomise all'abiura e fu condannato alla sospensione a divinis.

Bibliografia

  • Francesca De Poli, Franceschina… e altri sei. Sette processi per eresia celebrati a Venezia negli anni 1548-1574, Aracne, Roma 2016 (ivi, alle pp. 81-94 è pubblicata parte della documentazione del processo a carico di Anastasio Zordan).

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2020

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, "De rerum natura", lib. V]

CLORI%20Botticelli%20header%203.jpg

The content of this website is licensed under Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) License