Castenario, Ambrogio

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo [ISBN 978-88-942416-0-0]

Ambrogio Castenario è stato un fabbro sloveno del XVI sec., condannato a morte dall'Inquisizione.

Originario di Lubiana, si era trasferito a Udine, dove si convertì al luteranesimo. Arrestato e sottoposto a processo dall'Inquisizione di Aquileia nel 1568, rimase saldo nelle sue idee, rifiutando di pentirsi. Per questo fu condannato a morte come eretico impenitente e giustiziato tramite strangolamento.
Nel corso di un interrogatorio contestò tra l'altro i fondamenti della persecuzione del dissenso religioso, affermando che "non si trovarà mai nel Testamento Novo che Iddio abbi ordinato che si faci morir alcuno per la sua fede".

Bibliografia

  • Roberto Iacovissi, Il caso di Ambrogio Castenario: il Friuli del secolo XVI e la Riforma, A. S. Macor, Udine 1992.
  • Roberto Iacovissi, Deum non habens prae oculis. Processo e morte dell'eretico impenitente Ambrogio Castenario. Udine, 1568, Edizioni Segno, Tavagnacco (UD) 2017.
  • Federico Corrubolo, Gli atti del processo inquisitoriale contro Ambrogio Castenario (Udine, 1568), in "Rivista di Storia della Chiesa in Italia", 52/2, 1998, pp. 455-487.

Testi on line

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2017

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]