Ariano, Alfonso

Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo [ISBN 978-88-942416-0-0]

Alfonso Ariano (Ferrara, 1516 - Rovigo, 4 settembre 1571) è stato un capitano di ventura, condannato a morte dall'Inquisizione di Venezia.

Combatté nelle fila degli ugonotti francesi (partecipando anche a campagne nelle Fiandre e in Ungheria). Rientrato dalla Francia in Italia e stabilitosi a Guardia Ferrarese, fu perseguitato dall'Inquisizione di Rovigo nel 1569, ma fuggì. Nel 1571 fu arrestato a Chioggia e trasferito a Venezia. Fu sottoposto a tortura, ma non denunciò nessun complice. Fu infine condannato a morte e la sentenza fu fatta eseguire dal capitano di Rovigo: Ariano fu strangolato in carcere, quindi il cadavere arso sul rogo.

Bibliografia

  • Salvatore Caponetto, La Riforma protestante nell'Italia del Cinquecento, Claudiana, Torino 19972, p. 248.
  • Gino Marchi, La Riforma tridentina in Diocesi di Adria nel secolo XVI. Descritta con il sussidio di fonti inedite, Rebellato, Cittadella (Pd) 1969, pp. 238-242.

Article written by Redazione | Ereticopedia.org © 2017

et tamen e summo, quasi fulmen, deicit ictos
invidia inter dum contemptim in Tartara taetra
invidia quoniam ceu fulmine summa vaporant
plerumque et quae sunt aliis magis edita cumque

[Lucretius, De rerum natura, lib. V]